Con i suoi 150 km di spiagge meravigliose ed incontaminate

Fuerteventura è forse l’isola più selvaggia di tutte le Canarie. Qui è dove il deserto incontra l’oceano, dove le sfumature ed i contrasti cromatici sono a dir poco incredibili. Il fascino dell’isola sta proprio nel rosso e nell’ocra della sua terra, così come nel nero delle rocce laviche che si fonde con il bianco delle Dune di Corralejo, una porzione di deserto a ridosso dell’oceano.

Dalle azzurrissime piscine naturali di Sotavento fino alle incredibili grotte di Ajuy passando per le scogliere mozzafiato de La Pared: Fuerteventura è un vero e proprio paradiso.

Simbolo ufficiale dell’isola è la capra. Un tempo questi animali costituivano la principale fonte di sostentamento per i majoreros, gli abitanti del territorio. Difficile visitare l’isola e non incontrare questi animali dal vivo, o non finire per comprare un souvenir che rappresenti questi carismatici amici a 4 zampe. Ancora oggi i menu dei ristoranti a Fuerteventura sono pieni di specialità locali a base di capra, come l’immancabile formaggio ed i famosi stufati di carne.

È la seconda isola in ordine di grandezza dell’arcipelago delle Canarie

Ha un clima mite con una temperatura che oscilla fra i 18° ed i 24° per la maggior parte dell’anno. Anche a gennaio e febbraio raramente le temperature scendono al di sotto dei 14° durante il giorno e dei 10° durante la notte. Fuerteventura è un’isola estremamente ventosa ed è la più arida di tutte le Canarie. L’intero territorio è praticamente desertico, non esiste nessun tipo di vegetazione se non qualche palma ed arbusti rinsecchiti sparsi qua e là.

Il costo della vita a Fuerteventura ...

è inferiore di circa il 15/20% rispetto a quello italiano. Alcuni esempi? La benzina costa circa 1,15€ al litro. E che dire dell’assicurazione auto? 200€ all’anno per una polizza con furto, incendio e cristalli inclusi.

Tra le località più famose va annoverata Corralejo

centro turistico posto sul versante settentrionale dell’isola, da dove si può partire per le escursioni a Lanzarote ed all’isola di Lobos (parco protetto) ed abitato da tantissimi Italiani.

El Cotillo è un antico villaggio di pescatori ubicato nel nord/Ovest dell’isola molto noto per le sue caratteristiche lunghe spiagge di sabbia bianca. Caleta de Fuste è una località piccola ed accogliente, a soli 5 km dalla capitale Puerto del Rosario.

Per giungervi dalla vecchia capitale Betancuria

si attraversa un paesaggio prevalentemente caratterizzato da campi e colline rossastre.

Tappe da fare al tradizionale borgo di pescatori Majanico, ai moderni centri turistici Costa Clama e Jandia Playa ed alla vecchia località di residenza dei Governatori dell’isola La Oliva: si trova qui infatti la “Casa de los Coroneles”, interessante edificio del XVIII secolo, ed il Centro di Arte Canario: nel bel giardino belle piante, cactus e palme, con diverse opere e sculture.

Nel centro-nord dell’isola di Fuerteventura, vicino al paese di Tefir, si trova un museo particolare, quello di La Alcogida. Particolare perché è un museo vivente: il visitatore può vedere come lavorano gli artigiani dell’isola nelle loro botteghe ed interagire con essi.

L’ecomuseo è composto da sette case ristrutturate che mostrano i distinti stili architettonici dell’isola, dalla casa contadina, semplice e sobria, fino alle case signorili a due piani con balconate, scalinate di legno e tetti di tegole. Il museo permette di conoscere la vita del contadino majorero – simbolo di Fuerteventura – dal XIX secolo fino ad alcuni decenni fa.

Comprende una buona rappresentazione della fauna domestica dell’isola, come capre, asini o cammelli; e lo stesso per la flora: fichi d’india, tabaiba e palme convivono nell’arido paesaggio. Inoltre, offre l’opportunità di conoscere il sistema di raccolta dell’acqua, i forni del pane o antichi cortili e pagliai.

Fuerteventura dispone di un solo ospedale, a Puerto del Rosario

Punti di forza sono una sanità di base qualificata, la possibilità per chi arriva e si stabilisce sull’isola di avere un medico di base preparato che possa eseguire uno screening completo rispetto alle patologie, valutandone i gradi di criticità ed approfondendone i livelli per le cure specialistiche: tutto a costi molto bassi.

Il Pronto Soccorso di primo livello che offre assistenza in triage alla cittadinanza è principalmente quello di Puerto del Rosario, attrezzato secondo gli standard europei, ma sono in fase di potenziamento il “Centro de Salud” di Corralejo e di Gran Tarajal, oltre alle diffuse cliniche private.

L’Aeroporto di Fuerteventura

è situato a 5 chilometri a sud della capitale di Puerto del Rosario e fu inaugurato nel 1969. Attualmente il terminal è dotato di 66 banchi check-in, 24 gate e 12 manicotti d’imbarco per l’accesso agli aeromobili e 14 nastri per la consegna bagagli ed è in grado di servire circa 5 milioni di passeggeri (arrivi/partenze) l’anno.

Dall’Italia ci vogliono 4 ore per giungere sull’isola in volo.

Fuerteventura possiede vari porti di riferimento

Situato a sud, il porto di Gran Tarajal accoglie sia imbarcazioni da diporto che da pesca nei suoi 170 ormeggi. Situato nella piccola città che porta lo stesso nome, dal forte spirito marinaro, deve le sue acque calme alla protezione che gli dà la pendenza del terreno.

Il porto dispone di travel lift, gru e darsena, mentre i pontili hanno elettricità ed acqua corrente. Accanto si trova un lungomare con numerosi servizi di svago e gastronomia.

Puerto del Rosario

Situato a Puerto del Rosario, nell’est dell’isola, il porto del capoluogo di Fuerteventura è dedicato principalmente all’utilizzo commerciale e di trasporto. I suoi 60 ormeggi danno spazio ad imbarcazioni lunghe fino a 12 mt e profonde 5, che coabitano con ferry e navi da crociera.

È una delle marine meglio attrezzate per risolvere incidenti tecnici in tutta l’isola, dato che può contare su riparazioni meccaniche ed elettroniche nel suo molo.

Il porto sportivo del Castillo

si trova a Caleta de Fuste, situato sulla costa orientale dell’isola, dispone di 110 ormeggi, con una profondità massima di 5 mt ed è preparato per accogliere imbarcazioni lunghe fino a 16 mt.

Accanto alla marina si offrono tutti i tipi di attività inerenti, dal noleggio di moto d’acqua fino alle escursioni in sottomarino, passando per le lezioni di immersione.

Il porto di Morro Jable

Si trova a sud dell’isola, ha una stazione di servizio per la fornitura di carburante alle imbarcazioni che ormeggiano nei suoi 290 posti barca disponibili. Con una profondità di 5 mt, consente di ormeggiare imbarcazioni fino a 35 mt di lunghezza. Tra gli altri servizi, in questo porto c’è un traghetto che trasporta regolarmente i passeggeri a Gran Canaria.

Una curiosità. A Fuerteventura si trova la più piccola distilleria del Mondo, di soli 48mq. Si chiama Gin 72 ed è gestita da un italiano.

Stefania Maffeo